.
close

  •  

     

  • EVENTI

  • presentazione del libro fotografico di Lorenzo Castore

     

    Interverranno:

    Lorenzo Castore - autore

    Francesco Cataluccio - scrittore, polonista, traduttore e direttore dei Frigoriferi Milanesi di Milano

    Chiara Capodici - Leporello photobooks et al.

    Grzegorz Kosmala e Aneta Kowalczyk -  BLOW UP PRESS

     

    Il libro Land di Lorenzo Castore, BLOW UP PRESS, 2018, ha come oggetto la Slesia, la regione industriale e mineraria più importante della Polonia, la sua storia e il suo presente.

     

    Lorenzo Castore è andato per la prima volta in Slesia nel 1999, all'inizio della sua carriera fotografica. Era alla ricerca di un luogo in cui, in teoria, non sarebbe successo nulla, in cui, dopo l'esperienza della guerra in Kosovo, avrebbe potuto approfondire il suo approccio alla fotografia. Sapeva già che il reportage di guerra - dettato dalle esigenze dei media - non permetteva di concentrarsi sulle persone che invece erano il suo obiettivo fotografico. Dopo tanti anni, invitato dal Muzeum w Gliwicach (Museo di Gliwice) a completare la sua opera, torna nella città polacca per una residenza da cui ha avuto origine una mostra e il libro Land, pubblicato da BLOW UP PRESS, importante casa editrice di fotografia con base a Varsavia, e dal Museo stesso, che in sua collezione ha preziosissimi archivi storici di autori fondamentali per la storia della fotografia polacca, fra cui Wilhelm von Blandowski,  Zofia Rydet, Jerzy Lewczynski, e molti altri.

     

    Lorenzo Castore scrive:

     

    La Slesia è uno dei miei luoghi d’elezione, dal 1999: è dove ho cominciato a fare quello che faccio e dove sono cresciuto, come persona e come fotografo. 

    Il lavoro in Slesia agli inizi è stato reso possibile grazie all’aiuto che ho ricevuto dall’Istituto Polacco di Roma attraverso il coinvolgimento della direttrice Elżbieta Jogałła, che poi ha prodotto la prima mostra con quelle fotografie, nel 2001. Lei mi ha messo in contatto con il dipartimento culturale della Città di Gliwice che tra il 1999 e il 2001 mi ha supportato in tutto. Nel 2018 il direttore del Muzeum w Gliwicach / Czytelnia Sztuki, Grzegorz Krawczyk e il curatore Wojciech Nowicki mi hanno invitato a tornare per una residenza artistica negli stessi luoghi con l’obiettivo di realizzare una mostra, un libro e acquisire delle stampe per la collezione del museo.     

     

    Il libro è diviso in diversi parti. Nella prima ci sono dei collage di mappe montati usando il materiale del ricchissimo archivio della città di Gliwice, che copre un arco temporale che va dal 1749 (anno della più antica mappa della regione) fino agli anni '90. I collage sono composti cronologicamente assemblando mappe, cartoline, fotografie, sia anonime che di fotografi conosciuti.

    Nella seconda sezione c’è una selezione delle foto dal primo soggiorno in Slesia, dal 1999 al 2001, mentre nell'ultima le fotografie fatte durante la residenza del 2018. Arricchisce il libro, il cui progetto grafico è di Aneta Kowalczyk, il saggio di Wojciech Nowicki, curatore e scrittore polacco che ha invitato Lorenzo Castore a tornare in quei luoghi dopo quasi vent’anni. 

     

    Il libro usa un linguaggio nuovo e originale nella storia dei racconti e presentazioni della Slesia. La maggior parte è occupata da ritratti, testimonianze di incontri, da quelli fugaci - per strada, sui cortili e le stazioni - ai più intimi, in interni privati, carichi di energia e intimità.

    L'incontro all’Istituto Polacco sarà condotto in lingua italiana.

     

    C'è una strana solitudine senza tempo nelle fotografie di Lorenzo. Mentre si muove come un vagabondo, guarda e cattura momenti della vita quotidiana per poi condividerli con noi. Le sue immagini comunicano una bellezza commovente che da significato a muri, strade, paesaggi, donne, uomini, bambini...tutto fotografato con grande empatia e uno speciale e ben definito senso della luce

    - Sarah Moon

    Lorenzo Castore conosce la Slesia da vent'anni, da quando lo conosco anch'io. Lo visto lavorare senza sosta, con grande energia e dedizione. alcuni fotografi vedono solo delle immagini, ma Lorenzo vede delle persone e ama ciò che vede. Le sue foto non sono mai crudeli, mai lusinghiere. Sono oneste. Cariche di un rispetto reale, vero.

    - Michael Ackerman

     

    Il libro Land è il risultato della residenza artistica di Lorenzo Castore organizzata nel 2018 nell'ambito del progetto Czytelnia Sztuki del Muzeum w Gliwicach, in Polonia

    ed è stato pubblicato dal BLOW UP PRESS e il Muzeum Gliwice

     

    Durante l’incontro sarà possibile acquistare il libro.

    È possibile prenotarne le copie scrivendo a leporello.books@gmail.com

    per maggiori info: Leporello

     

    Lorenzo Castore, nato nel 1973, vive fra Roma (Italia) e Andros (Grecia),  si dedica a progetti a lungo termine riguardanti la sua esperienza personale, la vita di tutti i giorni e il rapporto tra storie piccole e grandi e il tempo presente. Ha pubblicato le sue opere ed esposto in molti paesi in tutto il mondo, ed è autore di diversi libri come: "Nero" (Milano, Federico Motta Editore, 2004), "Paradiso" (Arles, Actes Sud; Stockport, Dewi Lewis Publishing; Berlino, Edition Braus; Atene, Apeiron foto; Roma, Peliti Associati, 2005), "Ultimo domicilio" (Bentivoglio, L'Artiere Edizioni, 2015) e "Piotr & Ewa - si vis pacem" (Parigi / Lausanne, Editions Noir Sur Blanc, 2018). È co-autore del film "Non c'è pace senza guerra" (Italia, Okta Film, 2009), con il quale ha vinto il Golden Frog al Concorso Cortometraggi Documentari Camerimage Film Festival 2012 e vincitore di numerosi premi, tra gli altri Premio Dintorni dello Sguardo (1998), Mario Giacomelli Award (2003) e European Publishers Award for Photography (2005)

     

     

     

    Martedì 16 aprile 2019 - ore 18.00

    Istituto Polacco di Roma

    Via Vittoria Colonna 1, Roma